Bud Spencer & Terence Hill

CONDIVIDI SU

In tv | Forum | Facebook | Twitter | Youtube | SHOP

BUD E TERENCE

Filmografie
Biografie
Gallerie foto
Video interviste

IN ESCLUSIVA

Reportage
Servizi
Podcast
Progetti artistici

TECHE

Dvd
Colonne sonore
Altri cataloghi

CAST ARTISTICI

Altri attori
Registi
Musicisti
Doppiatori
Hanno detto di loro

RISORSE

Video film
Audio film
Battute
Immagini
Musiche
Curiosità
Giochi e gadgets

MAILING LIST

Inserisci la tua email per ricevere le news e la programmazione tv dei film di Bud e Terence

Iscriviti al nostro
canale Telegram
per ricevere gli aggiornamenti sullo smartphone







Aneddoti - anecdotes

Nella classifica dei 100 film italiani che hanno incassato di più ai botteghini dal 1955 al 1999 (dati della SIAE) sono presenti ben 11 film di Bud e/o Terence. Gli incassi, in lire, sono riportati al valore attuale tramite coefficienti ISTAT, coefficienti che comunque penalizzano i film meno recenti.

   
TITOLO

ANNO

INCASSO (in lire)

5°   
...Continuavano a chiamarlo Trinità

1971

69.299.704.000

12°   
...Altrimenti ci arrabbiamo!

1974

52.668.223.000

14°   
...Più forte ragazzi!

1972

50.096.176.000

22°   
Lo chiamavano Trinità...

1970

42.580.146.000

25°   
Porgi l'altra guancia

1974

40.795.732.000

29°   
Il mio nome è Nessuno

1973

38.645.313.000

35°   
...E poi lo chiamarono il Magnifico

1972

36.290.811.000

51°   
Anche gli angeli mangiano fagioli

1973

33.611.826.000

54°   
I due superpiedi quasi piatti

1977

33.198.814.000

71°   
I quattro dell'Ave Maria

1968

30.588.407.000

80°   
Piedone lo sbirro

1973

29.236.494.000


Nonostante abbiano partecipato entrambi al film Annibale nel 1959, Bud e Terence non si conobbero su quel set bensì otto anni dopo nelle riprese del film Dio perdona... io no! di Giuseppe Colizzi. In quell'occasione Terence, ancora Mario Girotti, fu chiamato per sostituire Peter Martell (Pietro Martellanza) infortunatosi dopo un litigio con la fidanzata.
 

Terence raccontò che quando fecero Dio perdona... io no! Colizzi andò a vederlo in giro per l'Italia: "...Notò che quando Bud e io eravamo vicini la gente si divertiva di più. Ci rimise in coppia nei "Quattro dell'Ave Maria", dove cercavamo di recuperare del denaro rubatoci da Eli Wallach. Poi Enzo Barboni fece "Trinità", e Bud e io trovammo l'amalgama perfetto".

("TV Sorrisi e Canzoni", anno 54, n° 21 del 21 maggio 2005)
 

Bud Spencer a proposito del film I quattro dell'Ave Maria: "È successo che un cavallo che si chiamava El Cordovez ha girato un giorno intero con me, la mattina dopo si è girato appena io ho messo il piede sulla staffa e si è buttato per terra".
 

Glauco Onorato, doppiatore storico di Bud Spencer, recita insieme a lui in La collina degli stivali (nel ruolo di Finch, vedi foto di una scena).
 

Anche in Lo chiamavano Trinità... Terence Hill non era il prescelto per interpretare il film. Durante le riprese di "Django" (Sergio Corbucci, 1965), il cameraman Enzo Barboni (meglio conosciuto come E.B. Clucher) chiese a Franco Nero di interpretare il ruolo di Trinità. "Gli ho detto: senti, devo andare negli Stati Uniti per fare "Camelot" (1967) e lo sai. Non posso farlo. Così scelsero un attore che mi somigliasse il più possibile e la scelta cadde su Terence Hill...".

(Tradotto da "Giallo Pages" n° 3, 1994)
 

Terence ha raccontato delle riprese di Lo chiamavano Trinità...: "Prima di girare le scene in cui mangiavo i fagioli, non mangiavo niente per tutte le ventiquattro ore antecedenti!".

("Interviste", it.terencehill.com)
 

Il prestigiatore Tony Binarelli, nel film …Continuavano a chiamarlo Trinità ha prestato le mani a tutti i giocatori della lunga partita di poker, che tagliavano e mischiavano le carte con virtuosismi davvero mirabolanti. "Per fare apparire le mani di Trinità e di Bambino diverse (in realtà erano sempre le mie) hanno persino truccato le mie dita. In questa "mano di carte" ho usato tutti i miei trucchi più appariscenti: ho spezzato con tre dita il mazzo, ho mischiato le carte con un gioco velocissimo, ho aperto con sole due dita a ventaglio tutto il mazzo. L'effetto è stato esilarante non solo per il pubblico, ma anche per noi della troupe: per girare quella sola sequenza abbiamo impiegato tre giorni interi. Infatti gli attori non riuscivano a trattenere le risate". Vai allo speciale per saperne di più.

("La Domenica del Corriere", anno 74, n° 16 del 18 aprile 1972)
 

Nel film ...Più forte ragazzi! Bud doveva, per esigenze di copione, eseguire delle semplici rullate con l'aereo in pista. Un giorno, di sua iniziativa e senza alcun titolo ed esperienza, decollò completando poi il breve volo con un poco morbido atterraggio a saltelli. In seguito, nel 1975, ha conseguito la licenza di pilota facendo diventare il volo uno dei suoi hobby (ora ha più di duemila ore di volo). Nel 1979, durante le riprese di Uno sceriffo extraterrestre... poco extra e molto terrestre si iscrisse alla più prestigiosa compagnia di Miami ottenendo anche il brevetto di pilota di elicotteri, e nei film Nati con la camicia del 1983 e Miami supercops - I poliziotti dell'8ª strada del 1985 guida realmente un elicottero.
 

In ...Altrimenti ci arrabbiamo! lo stuntman francese Rémy Julienne ricorda che la scena in cui Bud Spencer lancia il razzo al luna park mandando fuori uso il sistema, è accaduta realmente! Gli addetti agli effetti speciali commisero qualche errore e tre dello staff si ferirono e furono portati all'ospedale.
 

Spazio gossip. L'attore Sal Borgese, che ha partecipato ad alcuni film con Bud e Terence (lo ricordiamo principalmente nel ruolo di Anulu in "Chi trova un amico trova un tesoro", leggi la sua scheda) ha raccontato un retroscena sentimentale delle riprese di Pari e dispari, dove ha il ruolo del gangster Ninfus: Sal e la protagonista femminile del film, l'americana Kim Mc Kay (nel ruolo di bambolotta), dopo essersi conosciuti sul set si innamorarono dando vita ad una relazione che durò dodici anni.
 

Nelle versioni americane dei film di Bud e Terence in alcune occasioni si rivelano le vere origini di Terence. Per esempio in Pari e dispari, all'inizio del film, durante la partita di football fra la Marina e l'Esercito, in italiano il telecronista dice: "Ecco che il numero 45, come sua abitudine, lancia la palla in tribuna"; nella versione americana invece dice: "...Great game for this boy who was born in Venice, Italy". In I due superpiedi quasi piatti invece è lo stesso Terence che, insieme a Bud e ai due poliziotti (la scena in cui ammira le motociclette e mangia le patatine fritte) dice di essere nato a Venezia e di avere acquisito la cittadinanza americana.
 

Forse non tutti sanno che Laura Gemser, la dolce Susy Lee in I due superpiedi quasi piatti, era un'attrice di film erotici molto famosa alla fine degli anni settanta e negli anni ottanta, protagonista, tra gli altri, di "Emanuelle nera".
 

In Io sto con gli ippopotami nella scena in cui Terence mischia caviale, burro e champagne, fece realmente tale intruglio e lo bevette veramente!

("Interviste", it.terencehill.com)
 

Forse non lo avete riconosciuto, ma l'uomo col turbante che propone il gioco delle tre tavolette in Io sto con gli ippopotami è il noto prestigiatore Tony Binarelli (vedi foto della scena), già collaboratore nei film di Bud e Terence (vedi lo speciale). Inoltre presta le mani a Terence nella scena del casinò.
 

Il film Chi trova un amico trova un tesoro è stato girato in Florida, nell'isola di Key Biscayne; il carro armato non è vero, è stato costruito per l'occasione.

("Interviste", it.terencehill.com)
 

Sergio Leone era il produttore di Il mio nome è Nessuno ma ne fu anche un po' il regista: "Ho diretto l'inizio, la battaglia e l'ultimo duello. L'ho fatto perché Henry Fonda aveva una scadenza di tempo per questo film. Ad una certa data avrebbe dovuto lasciare il set per una commedia teatrale o un altro film".

(Tradotto da "Conversation avec Sergio Leone", Stock, 1987)
 

In Lo chiamavano Bulldozer Bud canta e suona con la chitarra la canzone "El indio Chaparral"; la lingua in cui canta è lo spagnolo e la cosa buffa è che nella versione spagnola del film quella scena è stata tagliata.
 

Ermanno Olmi spiega perché ha scelto Bud Spencer per il suo nuovo film Cantando dietro i paraventi: "Perché è un ottimo attore. E perché tempo fa, quando ero ricoverato in clinica, i suoi film in tv m'hanno fatto così compagnia che oggi considero Carlo un vecchio, caro amico".
 

Bud Spencer era molto amico di Fellini: "Mi interpellò ai tempi di "Satyricon" (1969) per fare Trimalcione. Ma mi avvertì che dovevo stare sdraiato col sedere nudo, e farmelo morsicare. A Federì, ma mi ci vedi a me? Rifiutai. Spero che Terence Hill sia contento per questa mia scelta".
 

L'attore acrobatico Jakie Chan ha dichiarato in un'intervista che apprezza molto i film di Bud Spencer e Terence Hill, tanto che dalle loro scazzottate ha spesso tratto ispirazione.
 

Per altre curiosità e aneddoti vai alle biografie, agli speciali e a hanno detto di loro



Torna a curiosità
 

Segui Budterence.tk su Facebook Budterence.tk è su Twitter Il canale streaming Youtube di Budterence.tk News e programmazione su Telegram

CERCA NEL SITO

FILM IN TV

Programmazione
dal 22-05-2017
al 28-05-2017


Nessun film in programma nella settimana

B&T STYLE STORE

B&TStyle Rumble
T-shirt B&TStyle Rumble
Bud & Terence Style Collection
Prezzo: EUR 18,49

Directory | Guestbook | Chat | Mobile | Faq | Contatti

Visitatori online:

www.budterence.it Franco e Ciccio Acquista dvd, cd e libri Scarica le musiche su iTunes Vendita online di t-shirt, accessori e gadget Inserisci il tuo banner qui Dalì School


È vietata la riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione. Leggere il disclaimer per le informazioni sul copyright. Cookie policy del sito.
© 2002-2017    Budterence.tk - Bud Spencer & Terence Hill Style